LEXAN™ - QUANDO LA DIFFERENZA C'E' MA NON SI VEDE

Pubblicato da: Livio Barbiero In: PIANETA STAMPA Sopra: Commento: 0 favorite Colpire: 105

BARRIERE PROTETTIVE, quando un prodotto nasconde insidie nascoste (oppure occultate) 

In questo periodo di tanta confusione dettato dalla diffusione COVID, il mercato è invaso da una miriade di produttori di barriere protettive tutte esclusivamente in plexiglass. Materiale per antonomasia il più utilizzato in ambito comunicativo per la sua resistenza ai raggi UV, per carità, ma in ambito di BARRIERE PROTETTIVE, perdonate la mia ignoranza, ma la protezione deve essere a 360°. Il plexiglass è un materiale che può frantumarsi o scheggiarsi, è resistente alle alte temperature ma non significa che possa prendere fuoco, e soprattutto ha delle ottime proprietà ottiche ma non certo può essere utilizzato per vederci attraverso in ambito lavorativo; in definitiva, può essere adatto a diverse applicazioni, ma per la nostra protezione serve di sicuro un materiale specifico e certamente più adatto allo scopo.

La lastra in policarbonato compatto, invece, meglio indicato con LEXAN™ è un materiale estremamente resistente agli urti e agli impatti. Virtualmente infrangibile, non si scheggia né si frantuma, risultando pertanto ideale per la realizzazione di schermature, vetrature e coperture sia in ambito edile che industriale. Il suo impiego offre la più completa sicurezza in tutte quelle applicazioni che necessitano di uno schermo protettivo trasparente.

Tra i vantaggi del policarbonato LEXAN™ il fatto che esso abbini una trasparenza comparabile a quella del vetro a un peso significativamente inferiore, consentendo soluzioni resistenti e sicure. Rispetto al vetro LEXAN™ offre anche migliori prestazioni di isolamento acustico e termico, garantendo comunque elevate qualità ottiche.

Ottime sono anche la resistenza e la stabilità dimensionale di LEXAN™ alle elevate temperature, oltre che la lavorabilità. Le lastre possono essere fresate, tagliate, segate, forate e piegate usando i più comuni attrezzi da officina, sono inoltre facilmente formabili a caldo.

LEXAN™ 9030 è certificato al fuoco per impeghi sia edili che industriali. E’ il materiale ideale per la realizzazione di protezioni da banco, barriere parafiato, dispositivi per la protezione dei lavoratori e dei clienti di esercizi pubblici, negozi, farmacie, uffici, anche in funzione anticontagio.

Disponibile in bassi spessori, per la produzione di mascherine, visiere e componenti di caschi di protezione per operatori sanitari, esiste anche la speciale versione LEXAN CTF Antifog, antiappannamento.

Come vedete anche quando tutto sembra chiaro, non è mai tutto così trasparente. Attenzione a quando scegliete soprattutto online, perchè poi ad acquisto fatto si scoprono tutti i difetti e non parliamo di un angolo smussato male, o un piccolo difettuccio di lavorazione ( che può esserci), ma di macro problemi che alla fine renderanno inutile il nostro acquisto.

Visitate la nostra sezione di Barriere Protettive: https://www.copynetce.it/covid-19/barriera-protettiva

 

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi martedì mercoledì giovedi Venerdì Sabato gennaio febbraio marzo aprile Può giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password